FRODI ONLINE, ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO: RESPONSABILITÀ SEMPRE DELLA BANCA

La responsabilità è della Banca e non dell’Utente quando la frode avviene all’interno del sistema di home banking.
A dirlo è una decisione dell’Arbitro Bancario Finanziario, Organo della Banca d’Italia, consultato per dirimere un contenzioso tra un Utente rimasto vittima di truffa online e la sua Banca.

Il fatto

Come racconta l’Avvocato che ha fatto ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario, “l’Utente in questione aveva effettuato una transazione tramite home banking della sua Banca. Al momento della transazione, le coordinate bancarie del destinatario erano state sostituite con quelle di un destinatario sconosciuto all’Utente”. Inizialmente la Banca aveva ritenuto di non avere responsabilità e si era rifiutata di risarcire l’Utente che si era così rivolto ad un Avvocato, il quale aveva ricostruito i fatti e contestato la decisione della Banca.

Il parere della Polizia Postale

Secondo la Polizia Postale, la frode sarebbe stata effettuata in presenza di un malware di tipo “trojan banking” che, secondo la stessa, funzionerebbe come segue: “quando viene avviata la transazione, il codice malevolo sostituisce di nascosto il codice del conto di destinazione con quello del cyber criminale, che riceverà quindi il denaro al posto del corretto beneficiario”.

A chi spetta l’onere

Secondo la normativa attuale è onere del Prestatore di servizi di pagamento provare che l’operazione di pagamento stessa sia stata autenticata, correttamente registrata e contabilizzata e che non abbia subito le conseguenze del malfunzionamento delle procedure necessarie per la sua esecuzione o di altri inconvenienti. E infatti, l’Arbitro Bancario Finanziario ha dato ragione alla vittima con la motivazione seguente: “sul punto, si è tracciata una netta linea di distinzione, nella casistica delle frodi, tra le fattispecie più note, evitabili mediante l’impiego di un livello di diligenza minimo da parte del cliente, e quelle viceversa considerate particolarmente subdole e insidiose…”.

Dunque il Ricorrente ha diritto al risarcimento.

Un importante precedente

E inoltre, la decisione crea un importante precedente per le truffe online, stabilendo che ogni volta che la frode sia riconducibile al cosiddetto “man in the browser”, sarà la Banca a dover risarcire il Cliente.

Chiedi Aiuto

Non Esitare