L’AUTORITA’ GARANTE PER LA CONCORRENZA E IL MERCATO MULTA ENI, ENEL E SEN

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato ENI, ENEL e SEN per 12,5 milioni complessivi, avendo accertato l’ingiustificato rigetto delle istanze di prescrizione biennale presentate dagli utenti a causa della tardiva fatturazione dei consumi di luce e gas.

La legge di Bilancio 2018 tentò di mettere un freno al problema dei maxi conguagli introducendo un principio fondamentale: non è ammissibile richiedere pagamenti relativi a consumi che riguardano un periodo superiore a 2 anni per quanto riguarda i consumi di luce, gas e acqua. In questi casi andrebbe infatti applicata la prescrizione.

Tuttavia, con la legge di Bilancio 2020 è stata fatta finalmente chiarezza poiché è stato abrogato il comma della legge di Bilancio 2018 che rendeva, di fatto, inapplicabile la prescrizione biennale; l’ARERA, l’Autorità di regolazione del settore, anche se in ritardo, ha recepito questa modifica nel quadro regolatorio complessivo, stabilendo il principio che i consumi superiori a 2 anni sono prescrivibili “in ogni caso”.

La recente multa dell’Antitrust va proprio in questa direzione: i consumatori, a tal punto, devono riavere i soldi maltolti e, soprattutto, poter bloccare i pagamenti in corso. Ci sono famiglie, infatti, che stanno ancora pagando la rateizzazione per via di bollette pluriennali.

Nel caso, quindi, di ricezione di una maxi -bolletta o di un conguaglio il cliente potrà far valere i suoi diritti anche solo ricorrendo alla gestione stragiudiziale della controversia: è fondamentale, quindi, attivare il prima possibile le azioni di tutela formali e per questo gli sportelli di RETE SOCIALE ATTIVA offrono assistenza, grazie ai nostri consulenti esperti in materia, per:

– verificare la correttezza delle letture riportate in fattura e, in caso di errori, contestarla con un reclamo scritto redatto per conto dell’assistito;

– gestire la pratica direttamente con l’azienda anche grazie ai canali diretti esistenti;

– se i consumi superano il periodo previsto per la prescrizione eccepirla e verificare lo storno degli importi non dovuti;

– gestire le eventuali azioni successive, in particolare le procedure di conciliazione paritetica o presso il Servizio Conciliazioni Clienti Energia di ARERA.

Per segnalazioni e/o approfondimenti, è possibile contattare la nostra sede nazionale.

Chiedi Aiuto

Non Esitare