ORIGINE OBBLIGATORIA PER SALUMI E INSACCATI: COSA CAMBIA IN ETICHETTA

Origine obbligatoria per salumi e insaccati: è il risultato del Decreto sull’indicazione di origine delle carni suine, da poco entrato in vigore. Esaurite le scorte delle vecchie produzioni (nel caso dei prodotti confezionati), dovremo trovare indicate in maniera leggibile e sul fronte principale delle etichette le seguenti informazioni:

  • Paese di nascita (nome del paese di nascita degli animali);
  • Paese di allevamento (nome del paese di allevamento degli animali);
  • Paese di macellazione (nome del paese in cui sono stati macellati gli animali).

E questo varrà per le preparazioni di carni suine e prodotti a base di carne suina (dunque salumi e insaccati) così come per le carni separate meccanicamente.

Cosa troviamo in etichetta

  • Quando la carne proviene da suini nati, allevati e macellati nello stesso paese, l’indicazione dell’origine può apparire nella forma: “Origine: (nome del paese)”.
  • La dicitura “100% italiano” è riservata ai prodotti in cui la carne è proveniente da suini nati, allevati, macellati e trasformati in Italia.
  • Quando la carne proviene da suini nati, allevati e macellati in uno o più Stati membri dell’Unione europea o extra europea, l’indicazione dell’origine può apparire nella forma: “Origine: Ue“, “Origine: extra Ue“, “Origine: Ue e extra Ue“.

Dove l’origine è già obbligatoria

Il Decreto in oggetto si aggiunge alle norme che obbligano i Produttori a dichiarare l’origine delle materie prime che usano. A oggi queste sono già presenti sulle confezioni di:

  • Carne di pollo
  • Carne ovino-caprina
  • Carne suina
  • Carne bovina
  • Frutta e verdura fresche
  • Uova
  • Miele
  • Olio extravergine di oliva
  • Pesce
  • Latte fresco
  • Passata di pomodoro
  • Alimenti e bevande biologiche
  • Alimenti e bevande a denominazione (DOP)

Obbligatoria fino a dicembre 2021

Così come previsto per le carni suine, ci sono altri alimenti per cui il nostro ordinamento prevede misure sperimentali che dovrebbero scadere il 31 dicembre 2021. Si tratta di:

  • Derivati del pomodoro e sughi pronti
  • Latte Uht, burro e formaggi
  • Pasta
  • Riso

Chiedi Aiuto

Non Esitare